Rimuovere l’eternit dai capannoni con i contributi a fondo perduto

Rimuovere l’eternit dai capannoni con i contributi a fondo perduto

Tetto in eternit

 

Tetto sostituito
L’Inail anche per il 2021 ha stanziato un fondo per le imprese che necessitano di eseguire la rimozione dell’eternit dalle coperture di capannoni o fabbricati industriali.

Con il Bando Isi 2020 infatti, anche per quest’anno, è previsto un finanziamenti a fondo perduto a favore delle aziende che intendono eseguire la Bonifica dell’Amianto.

Possono usufruire di questa agevolazione le imprese iscritte alla Camera di commercio, industria e artigianato che presentino la domanda dal primo giugno al 15 luglio 2021.

Da questo bando sono escluse le micro e piccole imprese agricole operanti nel settore della produzione primaria, che possono invece accedere al Bando Isi Agricoltura 2019/2020.

Il contributo stanziato dall’Inail per la copertura delle spese di smaltimento amianto può andare a coprire fino al 65% delle spese sostenute, per un massimo di 130000 euro.

Vengono incluse nel finanziamento le spese per il rifacimento della copertura e degli elementi accessori, come i canali di gronda, i costi per l’acquisto e l’installazione delle linee vita e le spese tecniche per la determinazione della presenza dell’eternit.

Per poter usufruire del bonus Inail a fondo perduto è necessario affidarsi all’esperienza e alla professionalità di aziende del settore come Edil Coperture, di Villa Bartolomea, che si occupa della smaltimento amianto da numerosi anni.

La procedura per richiedere il finanziamento prevede la presentazione e l’invio della domanda, la valutazione e la verifica della stessa da parte dell'ente competente, l’avvio dei lavori a cui seguirà il pagamento dei fornitori. Una volta inviata la rendicontazione verrà erogato il saldo del contributo.

 

Cookie